Autonomia vera impossibile?

Un ministro della Repubblica deve attuare l’art. 116 della Costituzione, non dire che è impossibile.

E il presidente del Veneto, regione che ha peculiari caratteristiche per la sua storia e unica ad essere circondata da territori ad Autonomia speciale, non può accontentarsi delle briciole, tanto più dopo l’esito del referendum popolare del 2017.Non è più tempo di nascondersi dietro le opposte interpretazioni dei giuristi e i cavilli dei burocrati per impedire ancora una volta di realizzare (o almeno sperimentare) una vera #autonomia, con poteri e risorse commisurate alle responsabilità che una comunità regionale vuole assumersi per il proprio sviluppo: l’art. 116 della Cost. va finalmente attuato in linea con il principio autonomistico dell’art. 5 e lo spirito federale della riforma del Titolo V del 2001!

Quanto alle 23 materie, non c’è poi molta differenza tra chi ne chiede 23 come il Veneto, 20 come la Lombardia o 16 come l’Emilia-Romagna. E’ infatti evidente che il terzo comma dell’art. 116 Cost. abilita a trattare su tutte e 23 le materie e nessun ministro può dire a priori: “questa materia sì, questa no”. In particolare nessun ministro, nessun governo nazionale può dire a priori: “l’#istruzione no”!

Certo: non si possono trasferire in concreto le competenze tutte insieme, anche le Autonomie speciali hanno negoziato progressivamente l’attuazione del loro Statuto speciale. Se vai al ristorante non chiedi tutto il menu in una volta sola, né te ne vai senza aver mangiato almeno qualcosa riservandoti poi di tornarci per ordinare anche altro…

Purtroppo sulla richiesta del presidente Zaia di 23 materie “tutte e subito” dobbiamo registrare che in 12 anni di mandato (e ben 5 dal referendum) non è riuscito a concretizzare neppure l’attuazione delle cinque materie previste dalla pre-intesa siglata nel febbraio 2018 con il governo Gentiloni.

Manca il coraggio di mettere in campo un progetto politico regionale in grado di raccogliere la volontà popolare e trasformarla in forza politica capace di negoziare a livello nazionale gli spazi di una vera autonomia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 + sei =